Archivi tag: sky

…E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Perugia, Umbria, Italy ...e il naufragar m'è dolce in questo mare by ©-Nicola Nigri 2014
Perugia, Umbria, Italy …e il naufragar m’è dolce in questo mare by ©-Nicola Nigri 2014

Lascio commentare questa foto al grande Giacomo Leopardi.

What else?

« Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare. »

Giacomo Leopardi, L’infinito, Canti

 

Annunci

Italian Sunset

Todi, Umbria, Italy, Italian Sunset by Nicola Nigri
Todi, Umbria, Italy, Italian Sunset by Nicola Nigri

Quando guardo un tramonto e mi emoziono, non mi domando a che velocità gira la terra o a che distanza è il sole o quanto sono grandi… Amo quel momento. Punto. Non c’è da capire, c’è da amare.”
Fabio Volo


When I admire the wonders of a sunset or the beauty of the moon, my soul expands in the worship of the creator.

Mahatma Gandhi

Usuals… by Claudia G.

Passetto, Ancona, Italy, Usuals by Claudia G.
Passetto, Ancona, Italy, Usuals by Claudia G.

Rituali: Il ragazzo che la mattina alla stessa ora fa jogging, sempre di corsa scende le scale del Passetto e sempre di corsa risale dalla parte opposta. La signora di una certa età che ogni mattina alla stessa ora con gli stessi vestiti scende le scale e va a fare il bagno in mare. Le stesse persone una dietro l’altra che arrivano, scendono, si spogliano, stendono l’asciugamano scolorito e si mettono a prendere il sole nello stesso punto delle mattine prima. La ragazza che passa giusto un minuto per guardare il mare alla stessa ora, sempre al telefono probabilmente con la stessa persona delle mattine prima. Osservo e penso: IO arrivo, parcheggio, poi caffè, scendo le scale e mi siedo sullo stesso gradino delle mattine prima, quello all’ombra, da dove posso guardare tutto questo. Solo il paesaggio rimane uguale, le persone sembrano le stesse, io sembro la stessa, raramente cambia qualcosa, ma ogni giorno abbiamo la possibilità di guardare con nuovi occhi la stessa cosa di sempre.

Claudia G.